Skip to main content
Rappresentazione digitale del paesaggio delle Digital PR con rete interconnessa di canali come social media, blog e pubblicazioni online, simboleggiante comunicazione e informazione in un ecosistema online moderno.

Digital PR: definizione, obiettivi e vantaggi per le aziende

Esplora l’evoluzione delle Digital PR: da strumento di nicchia a colonna portante della comunicazione aziendale. Scopri come la gestione strategica delle relazioni pubbliche digitali potenzia l’immagine di marca, migliora la reputazione online e favorisce l’engagement attraverso social media, blog e pubblicazioni online, riflettendo l’importanza di adattarsi alle dinamiche del web moderno.

Hai mai sentito parlare delle digital PR? Se la risposta è no, allora sei nel posto giusto: in questa guida approfondiremo la definizione di digital public relations, concentrandoci sia sugli obiettivi principali, sia sui vantaggi a livello di business e scopriamo l’utilizzo di SeoLuxury.com Digital PR Management Tool.

Pubbliche relazioni: ieri, oggi, domani

Da diversi anni a questa parte, occuparsi di comunicazione vuol dire fare i conti con il ruolo sempre più centrale del web nelle nostre vite. Per le aziende, per i piccoli e grandi marchi, così come per i personaggi pubblici, la rete rappresenta una fonte inesauribile di opportunità: un elemento da “sfruttare” al meglio, per ottenere un ritorno sia economico, sia soprattutto in termini di immagine.

Fino a qualche decennio fa, il mondo delle pubbliche relazioni era rivolto verso i cosiddetti “media tradizionali” – ovvero la stampa cartacea, la radio e la TV – con i quali era necessario intrattenere rapporti diretti e proficui per assicurarsi una certa visibilità dinanzi al grande pubblico. Oggi, invece, la sfida si gioca prevalentemente su Internet e, in particolare, sul terreno dei blog, dei magazine e dei quotidiani online, oltre che sui social network. Tutto ciò ha portato allo sviluppo di un nuovo ambito dalle tante sfaccettature: quello delle digital PR.

E, come sottolineato dalla maggioranza degli esperti, questa tendenza è destinata a perdurare anche nei prossimi anni, se non sul lungo periodo.

Cosa sono le digital public relations

Le digital PR – o digital public relations – sono un insieme di attività che puntano a consolidare l’immagine di un’azienda (o di un marchio, di un ente pubblico, di un personaggio noto, ecc.) nei diversi “luoghi dell’Internet”.

Tra queste attività, occorre ricordare:

  • monitoraggio ed ottimizzazione della web reputation, ovvero dell’opinione che il pubblico del web ha maturato nei confronti del proprio cliente;
  • mantenimento dei rapporti con influencer e opinion leader del settore (es. giornalisti, personaggi pubblici, content creator, ecc. potenzialmente interessati al prodotto / servizio offerto dall’azienda in questione);
  • comunicazione news attraverso il sito web e/o altri canali (es. blog, app mobile, forum, profili social, testate giornalistiche e magazine online, ecc.);
  • interazione positiva con la community per aumentare l’engagement.

In pratica, quindi, chi si occupa di digital PR è tenuto ad utilizzare una varietà di strumenti e/o canali di comunicazione, la cui scelta dipende da più fattori: dal settore di riferimento alla fascia di pubblico individuata come target, dagli obiettivi di business (es. incrementare le vendite) al budget disponibile.

Inoltre, ciò consente di modulare il messaggio con precisione maggiore rispetto al passato, tenendo conto non soltanto del mezzo adottato, ma anche dell’audience specifica che si vuole raggiungere, aumentandone così l’efficacia.

Promo di BENVENUTO*
A tutti i nuovi iscritti uno sconto del 25% per il primo ordine applicato su una speciale lista di 100 siti.

Usa il coupon WELCOME2023 in fase di pagamento

*redazione articoli esclusa

A cosa servono le digital PR?

Come abbiamo visto, una buona strategia di digital PR comprende sia attività che obiettivi differenti, che è possibile ricondurre a quattro aree principali.

  1. Brand identity e web reputation

Mai come al giorno d’oggi, il successo di un’azienda poggia su due basi fondamentali, ovvero un’identità ben definita ed una solida reputazione

Non a caso, tra i “compiti” del digital PR specialist vi è proprio la creazione di contenuti che riflettano un’immagine positiva del brand, mettendo in evidenza i suoi punti di forza e le caratteristiche per cui esso si distingue dalla concorrenza.

Attenzione, però: ciò non significa ingannare il proprio pubblico – scelta che, specie a lungo andare, finirebbe per rivelarsi controproducente! – ma, al contrario, instaurare con esso una relazione di fiducia

  1. Collaborazioni ed eventi

Altro obiettivo essenziale è fare networking, ovvero intrecciare rapporti di collaborazione, in particolare con persone (o altre aziende) che operano sul web.

Ecco, quindi, alcune attività che rientrano in questo campo:

  • cercare e contattare influencer, content creator, divulgatori ed esperti del settore, affinché promuovano il prodotto / servizio al proprio pubblico;
  • mantenere i rapporti ed aggiornare i partner sulle principali novità;
  • utilizzare programmi di affiliazione per garantire un ritorno economico (mediante il pagamento di una commissione) a chi pubblicizza il brand;
  • organizzare eventi online (ed eventualmente dal vivo) sia a scopo promozionale, sia per allacciare nuove relazioni ed ampliare la “fanbase”.
  1. SEO e comunicazione

Le digital PR sono strettamente collegate ad un altro “pilastro” del marketing online, vale a dire la SEO, acronimo che sta per “search engine optimization” e che include tutte quelle strategie dirette a migliorare il posizionamento di un sito – e, con esso, la visibilità di un brand – sui motori di ricerca.

In particolare, chi cura le PR online è anche chiamato ad incentivare l’acquisizione di backlink da altri siti (es. blog, magazine, quotidiani, ecc.) ritenuti autorevoli.

Tale attività prende il nome di link building e prevede la pubblicazione di guest post, interviste, recensioni o altri contenuti pertinenti al proprio settore, che contengano un collegamento – detto, appunto, backlink – al sito del cliente.

A questo proposito, esistono ottime piattaforme – tra cui SeoLuxury.com – che semplificano la ricerca dei siti da coinvolgere nelle campagne di link building, selezionando quelli più adatti sulla base di vari fattori (come il traffico mensile, l’affidabilità del sito, gli argomenti trattati, ecc.) e curando l’intero procedimento.

Parallelamente, il digital PR specialist provvede ad inoltrare comunicati stampa e news di rilievo ad agenzie, redazioni e professionisti freelance, affinché li divulghino sui propri canali (testate giornalistiche, in primo luogo, ma anche canali streaming, podcast, web radio, profili social e via di seguito).

Promo di BENVENUTO*
A tutti i nuovi iscritti uno sconto del 25% per il primo ordine applicato su una speciale lista di 100 siti.

Usa il coupon WELCOME2023 in fase di pagamento

*redazione articoli esclusa
  1. Gestione community

Infine, ultima ma non per importanza, vi è la gestione della community. Tra gli obiettivi delle digital PR, infatti, occorre citare anche la creazione di una “fanbase” solida ed affezionata al marchio, che rappresenti lo zoccolo duro della clientela.

Pertanto, alcune attività da svolgere a tale scopo sono:

  • pubblicare contenuti che coinvolgano il pubblico con regolarità;
  • rispondere ad eventuali domande, dubbi e richieste degli utenti;
  • gestire tempestivamente qualsiasi situazione di “crisi”;
  • mantenere un clima sereno sugli spazi gestiti dal brand, evitando polemiche, argomenti non pertinenti e toni offensivi;
  • tenersi aggiornati sulle tendenze e partecipare attivamente alle discussioni più importanti (o, comunque, inerenti al proprio settore).

Quali sono i vantaggi per le aziende?

Dopo aver descritto le attività e gli obiettivi che rientrano nel vasto ambito delle digital PR, è il momento di approfondire i possibili vantaggi per le aziende – e non solo – che decidono di investire nello sviluppo di una strategia ad hoc.

Partiamo, dunque, da un ritorno di immagine: elemento fondamentale per incontrare i favori di una clientela – specie quella giovanile – sempre più portata ad orientare le proprie scelte di acquisto sulla base della storia, dei valori e, in generale, della narrazione con cui il brand si presenta sul mercato. 

In secondo luogo, l’adozione di strumenti digitali permette di targettizzare al massimo la comunicazione, creando contenuti su misura per ogni fascia di pubblico: opportunità che, in passato, era preclusa, in quanto i media tradizionali si rivolgevano ad uno “spettatore-tipo”. Oggi, inoltre, è possibile valutare l’efficacia del singolo messaggio, aggiustando il tiro ove necessario.

Infine, parliamo di costi: le digital PR richiedono almeno un minimo di budget sia per lo sviluppo della campagna, sia per intraprendere una collaborazione con personaggi noti e/o altre aziende. Tuttavia, alcune operazioni possono essere svolte gratuitamente o quasi: pubblicare contenuti sui social network, inviare comunicati stampa, dare ascolto alle esigenze della community, ecc..

Avere al proprio fianco dei validi professionisti, che conoscano approfonditamente le varie aree delle PR – tradizionali e digitali – e sappiano coordinarsi con il resto del team marketing e comunicazione, è pertanto un fattore determinante per la crescita del business. Per di più, rivolgersi a degli esperti permette di ottimizzare le spese, senza tralasciare gli obiettivi fissati.

Servizio di link building tailor made

Se preferisci un servizio di link building tailor made altamente personalizzato e dagli elevati standard professionali, richiedilo qui.

Ti proporremo la miglior strategia per le tue campagne di link building professionale, selezionando per te i siti su cui apparire, svilupperemo il piano editoriale e seguiremo tutte le fasi sino alla pubblicazione e al monitoraggio del mantenimento dell’articolo e del link online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *