Link Building: ecco perchè è importante

link building

Link Building: ecco perchè è importante

È possibile capire come far conoscere un contenuto di qualità senza che nessuno lo conosca inizialmente?

Questa è la domanda alla quale moltissimi utenti cercano da tempo una risposta concreta, evidentemente difficile da individuare. Il problema che spesso si incontra online nel cercare di promuovere il proprio sito web è quello di riuscire a far arrivare i propri contenuti a più gente possibile. In questa prospettiva, la link building è un meccanismo utilissimo e i motivi li scopriremo più in avanti.
Molte volte notiamo contenuti poco interessanti o per nulla informativi che riscuotono un maggiore successo (in termini di visualizzazioni, diffusione tramite social media e quindi condivisione) rispetto ad altri che invece meriterebbero miglior sorte: pensiamo a siti web che diffondono notizie e articoli sul mondo della tecnologia, dello sport o di qualsiasi altra tematica. Spesso emergono quelli che sembrano realizzati peggio, a livello strutturale, e che, soprattutto, offrono contenuti di qualità inferiore.

Erroneamente molti pensano che il solo grande contenuto di un articolo che viene considerato ‘di qualità’ possa, a prescindere da ciò, avere successo e grande seguito sul web. Non è assolutamente così. Capita spesso di leggere consigli e suggerimenti sbagliati su come promuovere un contenuto su Internet.
Sappiamo che la link building rappresenta il punto di partenza della SEO (Search Engine Optimization) per far emergere i propri contenuti sul web ma alcuni utenti sono spinti ad utilizzare delle pratiche spesso scorrette per farlo (o anche stesso oltre i comportamenti eticamente corretti online), come ad esempio inserire tags nella descrizione dei propri articoli che non fanno riferimento al loro contenuto ma ad un altro evento/oggetto particolarmente importante e di rilievo che è avvenuto nel mondo o di cui se ne parla tantissimo in quel momento e che quindi viene cercato e visualizzato online tramite i più famosi motori di ricerca. Questa è una strategia sicuramente poco corretta che Google ha molto penalizzato con gli ultimi aggiornamenti ai suoi algoritmi ma che resta una scelta da prendere in considerazione, utilizzando però i tag reali.
La cosa più importante da fare per cercare di ottenere il successo e la considerazione sperata e far emergere i contenuti di vera qualità è cercare di assecondare i cambiamenti strutturali del motore di ricerca apportati da Google e trovare un giusto equilibrio con le proprie necessità, con una dose di impegno maggiore.

Abbiamo affermato prima come la pratica della link building sia utilissima nella prospettiva in cui vogliamo diffondere il nostro sito web raggiungendo un pubblico il più ampio possibile, attraverso degli strumenti giusti, corretti e accettati da Google, il motore di ricerca principale su cui vogliamo migliorare il posizionamento dei nostri contenuti.
Partendo dal presupposto e ribadendo che inserire tags e parole chiavi che non c’entrano nulla con il contenuto che abbiamo pubblicato è certamente sconsigliato, ci sono modi migliori per – letteralmente – costruire una buona rete di collegamenti al nostro sito web e posizionarlo nei piani alti delle ricerche.

Innanzitutto, è importante continuare a pubblicare contenuti di qualità e, anzi, cercare di migliorare articolo dopo articolo: la qualità viene sempre ripagata e serve necessariamente come base di partenza. In seconda battuta, bisogna revisionare i link interni e i link esterni del proprio sito: i primi sono quelli di cui abbiamo un’ampia gestione perché appunto inseriti all’interno del sito web, per i secondi, invece, non abbiamo grande potere di controllo, a meno che non investiamo in pubblicità e sponsorizzazione a pagamento per farci ‘linkare’ da più utenti in più siti possibili.
È ovvio dunque che la nostra attenzione si debba focalizzare sui link interni. In questo senso, è consigliata una revisione di tutti gli articoli e i contenuti pubblicati sul sito e favorire la navigazione dell’utente al suo interno tramite la costruzione di nuovi collegamenti a partire dagli articoli stessi. Ad esempio, se scriviamo un articolo sui migliori smartphone del 2016, alleghiamo ad una parola chiave, in questo caso “Samsung Galaxy S7 Edge”, un link che collega ad un altro articolo, presente e caricato sempre sul nostro sito internet che tratta della recensione del dispositivo stesso. In questa maniera, con un po’ di bravura e fortuna, l’utente interessato ai contenuti caricati sul sito cliccherà su altre pagine, si focalizzerà alla storia e alle tematiche trattate e avrà voglia di tornarci nuovamente per una successiva visita.

Seguendo tale strategia, Google terrà di buon occhio il vostro sito e vi farà scalare numerose posizioni all’interno del suo motore di ricerca quando gli utenti cercheranno le parole chiavi.
Guadagnando una buona reputazione dinanzi a Google e nell’internet in generale, il vostro sito acquisirà col tempo un autorità maggiore e diventerà uno dei punti di riferimento per il settore di cui si interessa. È importante sottolineare come il tutto non sia un processo semplice e veloce: ci vuole impegno, dedizione ed anche l’immancabile passione per portare avanti un progetto così ambizioso.
Se gli utenti che hanno visitato più pagine del vostro sito web grazie ai vari collegamenti creati con la tecnica della link building, sono rimasti altresì colpiti dalla qualità dei contenuti e ne diventano frequentatori assidui, la voce si spargerà velocemente e i vostri link avranno una connotazione positiva nel mondo di Internet.

A questo punto, avrete raggiunto tutti gli obiettivi per mettere in evidenza le vostre capacità: avete un sito web completo, ben strutturato ed organizzato, con i contenuti giusti e più efficaci per le tematiche trattate, che segue le regolari e corrette tecniche SEO e ottimizzazione nei motori di ricerca e che, soprattutto, ha un buon seguito di visitatori interessati e fidelizzati al brand. Costruire relazione di stretto contatto e rapporto diretto con chi apprezza i vostri contenuti è un altro dei passi importanti per trarre vantaggi, da entrambe le parti.
I vantaggi per i visitatori sono palesi e ovvi: avere un portale di riferimento in cui informarsi di ciò che interessa e nel modo in cui si vuole venga trattato un determinato argomento.
Per chi è proprietario del sito web e si occupa di caricare i contenuti e farlo crescere in immagine e reputazione online, l’apprezzamento e la condivisione dei proprio contenuti da parte degli utenti, favorisce una maggiore rilevanza nel gruppo di tutti i siti concorrenti ed è certamente una fonte di potenziale guadagno più appetibile per gli investitori del marketing online e dei social media.

In definitiva, puntando su queste strategie di link building, sarà possibile aumentare – e di tanto – non solo il volume di visite e accessi al proprio sito web, per far conoscere a più utenti della rete possibili i nostri contenuti (che, se verranno apprezzati saranno di conseguenza considerati contenuti di alta qualità) ma guadagnare una buona porzione del marketing online legato ad uno o più specifici brand che operano nel settore di nostra competenza.

La link building può esprimere il massimo delle sue potenzialità e offrire maggior profitto (dunque ottimi ritorni economici) a chi vuol operare online, solo se sfruttata correttamente e nella maniera più efficace, abbinata alle giuste strategie di SEO avanzate e di marketing online. Inoltre, è indubbia l’importanza dei social media in questo processo perché alla base dell’aumento di popolarità vi è una spinta iniziale che può arrivare dalle condivisioni delle proprie pubblicazioni in siti specializzati o famosi social network.
Infine, aumentando la qualità dei contenuti e favorendo la condivisione degli stessi nel maggior numero di siti online (specialmente quelli che trattano di tematiche uguali o più o meno simili), aumenterà progressivamente anche il numero dei visitatori che potranno così spargere la voce e dare sempre più maggiore visibilità al sito.

Come sempre è d’obbligo affidarsi ad una seo agency competente che sappia come utilizzare al meglio le possibilità offerte, evitando le pratiche più pericolose.

liberamente tratto da: http://www.business.com/content-marketing/even-great-content-still-needs-link-building/